Ente Nazionale Sordi - ONLUS

ads-468x60-SITI-ENS1

Gio18082022

Ultimo aggiornamento23:24:39

Corriere RSS:

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

OPZIONI
Ritorna Sei qui: Home Canali Tematici Legge 68/99 e lavoro Presso il Consiglio Regionale ENS Bolzano e Trento si è riunito il Tavolo Tecnico per le Politiche del lavoro

Presso il Consiglio Regionale ENS Bolzano e Trento si è riunito il Tavolo Tecnico per le Politiche del lavoro

db89c256a7c2d9d56a2135b6ddf167db
0eca3e8d2012713e00a7fd784767c804
4cfbc2640388883d4163ad90cdad962d
9d7ed466ba063ce577d82c807faae8a6
b4383d03daeed60078c779bd342e27c2
ec2b3ca135098a555030a195df877bee

I Consigli Regionali/Provinciali dell’Ens di Trento, Presidente Sig.ra Brunella Grigolli e Bolzano Presidente Sig. Benedikt Gasser, hanno riunito i Presidenti Provinciali e i collaboratori dell’Area Lavoro, a Trento per partecipare al Tavolo tecnico sulle politiche del lavoro che l’Area Lavoro della Sede centrale sta organizzando in tutte le regioni. La disoccupazione nelle due Province è diventata critica negli ultimi due anni in seguito alla chiusura, a causa della crisi economica, di molte aziende locali. Infatti, i dati raccolti evidenziano un incremento notevole del tasso di disoccupazione relativamente alle persone sorde, che nella Provincia di Trento era pari a zero in precedenza.

I temi all’ordine del giorno erano il nuovo piano europeo “Garanzia Giovani”, a favore dell’occupazione giovanile e i bandi regionali e del Fondo Social Europeo che la Regione autonoma del Trentino Alto Adige ha formulato, da una parte, per far fronte anche alla disoccupazione di persone oltre i 30 anni e, dall’altra, per promuovere programmi di formazione per le persone disoccupate più svantaggiate. Nonostante le iniziative e le buone prassi, purtroppo, anche in questa regione, i corsi di formazione non sono accessibili ai disabili sensoriali poiché non prevedono la presenza e soprattutto la copertura economica a spese degli enti erogatori, per i servizi di assistenza alla comunicazione o interpretariato necessarie. Gli interventi dei presidenti hanno evidenziato inoltre una buona collaborazione con la rete di servizi a favore delle persone disabili e le altre associazioni di disabili, dislocati sul territorio, ma una scarsa attenzione da parte delle Istituzioni provinciali che non si rivelano molto disponibili al confronto per far fronte a questa situazione, molto problematica, con i dovuti interventi di ordine politico e organizzativo.