Ente Nazionale Sordi - ONLUS

ads-468x60-SITI-ENS1

Dom14042024

Ultimo aggiornamento23:24:39

Corriere RSS:

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

OPZIONI
Ritorna Sei qui: Home Canali Tematici Primo Piano Un video-dizionario in lingua dei segni

Un video-dizionario in lingua dei segni

spread-sign

È stato presentato ieri 24 febbraio presso l’Università Ca’ Foscari Spread the Sign, frutto di un progetto internazionale che mette assieme interpreti e studiosi rappresentanti di oltre 24 lingue straniere e altrettanti paesi. È supportato dalla Commissione Europea attraverso l’ufficio per il Programma internazionale svedese di educazione e formazione.

Il team italiano è formato da linguisti e interpreti del Dipartimento di studi linguistici e culturali comparati dell’Università Ca’ Foscari Venezia, ateneo che oggi ha ospitato il lancio della piattaforma online nella sua versione italiana, alla presenza delle delegazioni di 15 paesi.

Gratuito, accessibile e intuitivo nell’uso, il sito offre 200mila video con segni di parole, frasi di uso comune e numeri. 10mila sono in LIS, la lingua italiana dei segni. I numeri sono in continua crescita. I sordi stranieri hanno così a disposizione, sul computer come sullo smartphone, uno strumento per capire la lingua del Belpaese, ma anche per i madrelingua LIS si aprono nuove opportunità di apprendimento.

“Siamo orgogliosi di essere i partner italiani del progetto – afferma Anna Cardinaletti, direttrice del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati di Ca’ Foscari, e coordinatrice del progetto “Spread the Sign” per l’Italia – è un riconoscimento internazionale che premia la qualità del lavoro svolto in 15 anni di didattica e di ricerca sulla LIS”. “È un progetto della cui importanza forse non ci rendiamo conto, perché è anche grazie alla realizzazione e alla diffusione di progetti come questi che si sensibilizza l’opinione pubblica sull’urgenza del riconoscimento della LIS come lingua di minoranza”, aggiunge Lisa Danese, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati, supervisor di “Spread the Sign” per l’Italia, e cofondatrice di VEASYT srl, spin off dell’Università Ca’ Foscari Venezia. Gabriele Caia, collaboratore esperto linguistico di Lingua dei Segni Italiana (LIS) del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati e traduttore per “Spread the Sign”, ricorda che “il dizionario LIS più grande in Italia comprende 3mila segni, mentre oggi parliamo di 10mila segni italiani in un solo colpo resi disponibili nel web, con la prospettiva di arrivare a 15mila nel giro di tre anni”.

All’evento hanno partecipato anche Piero Alessandro Samueli, consigliere nazionale dell’Ente nazionale sordi (Ens) e Thomas Lydell-Olsen, coordinatore del progetto “Spread the Sign”, fondatore e coordinatore dello European Sign Language Centre a Örebro, Svezia. Samueli ha salutato con favore l’ingresso dell’Italia in un progetto di ambizione mondiale “nonostante i parlamentari non sembrano voler considerare la LIS come meriterebbe”. Ha anche garantito il supporto dell’ente nella promozione dell’uso del dizionario in Italia. “Solo l’immaginazione può fissare i limiti all’uso di questo dizionario multilingue”, ha concluso a proposito Thomas Lydell-Olsen.

Fonte: Università Ca’ Foscari (http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=171047)