Ente Nazionale Sordi - ONLUS

ads-468x60-SITI-ENS1

Dom14042024

Ultimo aggiornamento23:24:39

Corriere RSS:

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

OPZIONI
Ritorna Sei qui: Home Canali Tematici Primo Piano Comunicato Stampa ENS "ISEE e Disabili"

Comunicato Stampa ENS "ISEE e Disabili"

Isee

Il Presidente Nazionale Giuseppe Petrucci comunica che il giorno 14 maggio 2012, si è svolto presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l’incontro con il Sottosegretario Prof.ssa Maria Cecilia Guerra, per discutere in merito alla proposta di revisione dell’Indicatore della situazione economica equivalente – ISEE, in attuazione dell’art.5 del Decreto Legge n. 201/2011 convertito con modificazioni in Legge n.214/2011.

Alla riunione l’ENS, come le altre Associazioni , è stato rappresentato dal Presidente della FAND Dott. Giovanni Pagano, il quale ha portato all’attenzione del Sottosegretario un documento FAND contenente le osservazioni alla proposta di revisione predisposta dal Ministero, tra le quali sono state inserite anche quelle formulate dall’ENS, che in sintesi riportiamo di seguito.

1) La pensione di sordità e l’indennità di comunicazione, non essendo soggette a tassazione IRPEF, non devono entrare a far parte della situazione reddituale dei soggetti beneficiari e quindi non devono avere rilevanza ai fini della determinazione dell’indicatore ISEE (art.4, lett.f);
2) Specificare la natura della disabilità per quanto attiene le detrazioni da apportare al reddito complessivo, invece di utilizzare la terminologia “disabili”, che potrebbe ingenerare problemi di interpretazione e applicazione(art.4, lett.c);
3) Non devono essere considerati , ai fini della determinazione dell’ISEE corrente, eventuali trattamenti economici di natura assistenziale o previdenziale, non precedentemente indicati, percepiti dallo Stato o da altre amministrazioni pubbliche, successivamente alla data di presentazione della richiesta della prestazione (art.8 ).

Il Sottosegretario ha preso atto delle richieste avanzate dalle Associazioni dei disabili e ne terrà conto nel corso dell’imminente stesura definitiva del decreto riguardante il nuovo ISEE.

Ulteriori comunicazioni al riguardo saranno fornite in tempo reale soprattutto se verranno decise dall’ENS e dalla FAND azioni di protesta a livello nazionale e/o locale.