Ente Nazionale Sordi - ONLUS

ads-468x60-SITI-ENS1

Mer08072020

Ultimo aggiornamento23:24:39

Corriere RSS:

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

OPZIONI
Ritorna Sei qui: Home Canali Tematici Primo Piano L'ENS segue l'iter di aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza

L'ENS segue l'iter di aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza

ministerosaluteta630x360

Dopo anni di inerzia finalmente è ripreso l'iter legislativo che prevede l'aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza, i cosiddetti LEA, iter seguito e promosso dal Ministero della Salute.

L'ENS sta monitorando da vicino l'iter e ha inviato nuove istanze all'attenzione del Ministro On. Lorenzin chiedendo rassicurazioni sull'inserimento nei nuovi elenchi di tutti i dispositivi protesici e per l'accesso alla comunicazione all'informazione, aggiornati sulla base delle reali esigenze delle persone sorde e in virtù delle tecnologie di nuova generazione, dalle protesi digitali ai moderni smartphone e tablet.

Il nuovo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sostituirà integralmente il dPCM 29 novembre 2001, recante "Definizione dei Livelli essenziali di assistenza". Il provvedimento è stato predisposto in attuazione della legge di stabilità 2016 (articolo 1, commi 553 e 554, legge 28 dicembre 2015, n. 208), che ha stanziato ben 800 milioni di euro annui per l'aggiornamento dei LEA.

Nelle intenzioni del legislatore il decreto "definisce le attività, i servizi e le prestazioni garantite ai cittadini con le risorse pubbliche messe a disposizione del Servizio sanitario nazionale innova i nomenclatori della specialistica ambulatoriale e dell'assistenza protesica, introducendo prestazioni tecnologicamente avanzate ed escludendo prestazioni obsolete".

Inoltre "per l'aggiornamento periodico e continuo dei livelli essenziali di assistenza è stata costituita la Commissione nazionale per l'aggiornamento dei LEA, con il compito monitorarne costantemente il contenuto, escludendo prestazioni, servizi o attività che divengano obsoleti e, analogamente, valutando di erogare a carico del Servizio sanitario nazionale trattamenti che, nel tempo, si dimostrino innovativi o efficaci per la cura dei pazienti".

L'ENS continuerà a monitorare il testo affinché si pervenga a garantire effettive prestazioni rispondenti alle esigenze delle persone sorde e dei loro familiari.