Ente Nazionale Sordi - ONLUS

ads-468x60-SITI-ENS1

Dom14072024

Ultimo aggiornamento23:24:39

Corriere RSS:

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

OPZIONI
BARI

Bari - Mobilitazione Nazionale per l'accessibilità dei programmi RAI

petizione
I sordi, al pari di ogni altro cittadino, hanno il diritto di essere informati, correttamente, di ciò che viene sottoposto alla decisione popolare attraverso il referendum con l'accessibilità ai programmi con la traduzione in LIS e con la sottotitolazione.

Ovviamente le nostre doglianze non si limitano al caso del referendum ma investono una più vasta problematica che comprende l'accessibilità quotidiana all'informazione con traduzione in LIS e sottotitolazione di almeno due edizioni complete nelle fasce di punta dei TG nazionali (13.00 -14.00 -19.30 -20.30) e la traduzione in LIS e sottotitolazione di almeno un'edizione dei TG Regionali.

Ma oltre l'informazione vi è la necessità di avere una sottotitolazione di qualità dei programmi d'intrattenimento troppo spessa approssimativa e comunque parziale rispetto alla totalità dei programmi.

Il diritto all'informazione e il godimento dei programmi d'intrattenimento sono un diritto universale che il concessionario del Servizio Pubblico, la R.A.I., avrebbe dovuto garantire già da tempo.

E' ora che le Istituzioni intervengano in maniera decisiva per offrire anche ai sordi italiani l'accessibilità ai programmi televisivi al pari degli altri Stati Europei.

L'ENS chiede l'immediata istituzione di un tavolo di confronto al fine di stabilire un percorso con tempi certi al fine di raggiungere la completa accessibilità nei termini anzidetti.

Per tutte queste ragioni l'ENS ha indetto una mobilitazione nazionale che prevede nell'immediato la sottoscrizione di una petizione presso le Sezioni Provinciali presenti su tutto il territorio nazionale e la realizzazione nelle prossime settimane di convegni regionali sul tema dell'accessibilità, il cui calendario sarà reso noto quanto prima.

Invitiamo tutti coloro che sono interessati a firmare la petizione a recarsi presso la Sezione Provinciale di residenza.